Notice: WP_Scripts::localize è stato richiamato in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/admin/web/ypeople.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5775
Black Out Tuesday: che cos'è, perché tutti postano foto nere | YPeople.it

Black Out Tuesday: che cos’è, perché tutti postano foto nere

La protesta negli Stati Uniti per la morte di George Floyd ha assunto tratti drammatici. Questa mattina ci siamo svegliati con le notizie dagli USA di una Casa Bianca spenta e Donald Trump chiuso in un bunker. Nonostante il coprifuoco stabilito da molti governatori, i saccheggi e le manifestazioni notturne sono proseguite. Gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine aumentano sempre di più. In un clima così teso, tocca ai social network scatenare una protesta pacifica. Ed è quello che sta accadendo oggi, in un giorno ribattezzato Black Out Tuesday.

Black Out Tuesday: che cos’è, perché tutti postano foto nere su Facebook, Instagram e Twitter

Partita dal mondo dello sport e da quello dello spettacolo statunitense, il Black Out Tuesday è ora virale in tutto il mondo. Milioni gli utenti sui social network che stanno postando o condividendo un’immagine nera con l’hashtag #BlackOutTuesday o #BlackLivesMatter. La protesta silenziosa è dovuta alla morte di George Floyd e all’eterna lotta degli afroamericani contro la disparità.

Tra i big che si sono esposti nella protesta la pagina ufficiale della NBA, ma anche il servizio di streaming musicale online Spotify, che ha interrotto la possibilità di ascoltare musica con l’hashtag #TheShowMustBePaused. Inoltre, a molte playlist e podcast dedicate alle voci che non hanno avuto modo di esprimersi, saranno oggi aggiunti 8 minuti e 46 secondi di silenzio, esattamente il tempo in cui George Floyd è stato immobilizzato, col ginocchio sul collo, dall’agente di polizia Derek Chauvin.

L’iniziativa è partita da due dirigenti della Atlantic Records, Brianna Agyemang e Jamila Thomas, che hanno lanciato anche un sito dedicato e parlano di una reazione a ciò che descrivono come un “razzismo e disuguaglianza di lunga data che esistono dai consigli di amministrazioni alle strade”.

Numerosissimi i vip che hanno aderito all’iniziativa: Robbie Williams, Radiohead, Billie Eilish, Eminem, Ariana Grande, Cara Delevingne, Natalie Portman, Hilary Swank, Timothy Chalamet, Lily-Rose Depp, Aaron Paul, Jake Gyllenhaal per citarne soltanto alcuni.

Leggi anche:

Corea del Nord, Kim vieta il Sesso tra adolescenti

BENVENUTO NEL MONDO  

 

Iscriviti al nostro canale YouTube

 ISCRIVITI

 

📲Per ricevere tutti gli aggiornamenti in tempo reale invia un messaggio su WhatsApp al numero +39 0461 163 6020

🔵 PROPONI LA TUA PARTNERSHIP A Y MEDIA ANALYTICA 🔵 

SCARICA LA BROCHURE

per richieste di informazioni:

direttore@ypeople.it