Notice: WP_Scripts::localize è stato richiamato in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/admin/web/ypeople.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5775
Discorso di Rula Jebreal sulle donne a Sanremo 2020 (Video) | YPeople.it

DISCORSO RULA JEBREAL SANREMO – Il video dello splendido discorso contro la violenza sulle donne di Rula Jebreal a Sanremo 2020. Sul palco del Teatro Ariston la bella co conduttrice ha parlato di un argomento importantissimo e d’attualità. Emozionando tutti i presenti in platea, in galleria e anche i telespettatori che guardavano da casa.

Discorso di Rula Jebreal sulle donne a Sanremo 2020 (Video)

“In Italia in media una donna ogni 15 minuti subisce violenza. Sei donne sono state uccise soltanto la scorsa settimana. Quando la donna cannone d’oro o d’argento diventerà, senza passare dalla stazione, l’ultimo treno prenderà. Mia madre ha perso il suo ultimo treno quando io avevo 5 anni. Si è suicidata, dandosi fuoco. Il dolore erano fiammelle che hanno iniziato a salire e ad annerirle i vestiti quando era adolescente. Voleva liberarsi del suo corpo. Mia madre nata fu stuprata due volte. A 13 anni da un uomo. L’uomo che l’ha violentata per anni il cui ricordo, incancellabile, era con lei mentre le fiamme avvolgevano il suo corpo, aveva le chiavi di casa”.

Momenti davvero toccanti quelli durante i minuti del monologo di Rula Jebreal, che cita anche “Sally” di Vasco Rossi: “Le canzoni che ho citato stasera, sono tutte scritte da uomini. È possibile trovare le parole giuste, raccontare l’amore e l’affetto. È questo il momento per cui quelle parole diventino realtà. Che non siano solo cantate ma anche vissute ogni giorno. Per farlo dobbiamo lottare, urlare, ogni tanto. Io sono diventata la donna che sono, grazie a mia madre e grazie a mia figlia”.

Poi Rula Jebreal si rivolge agli uomini: “Siate i nostri compagni. Che non si chieda mai più a una donna che è stata stuprata, com’era vestita quella notte. Mia madre ha avuto paura di quella domanda. Non vogliamo più essere vittime”.

Leggi anche:

Gigante di Piero Pelù: Testo e Significato (Sanremo 2020)

Voglio parlarti adesso di Paolo Jannacci: Testo e Significato (Sanremo 2020)

BENVENUTO NEL MONDO  

 

Iscriviti al nostro canale YouTube

 ISCRIVITI

 

📲Per ricevere tutti gli aggiornamenti in tempo reale invia un messaggio su WhatsApp al numero +39 0461 163 6020

🔵 PROPONI LA TUA PARTNERSHIP A Y MEDIA ANALYTICA 🔵 

SCARICA LA BROCHURE

per richieste di informazioni:

direttore@ypeople.it