Notice: WP_Scripts::localize è stato richiamato in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/admin/web/ypeople.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5777
Coronavirus Lombardia, Giulio Gallera: "Calo a Bergamo e Milano" | YPeople.it

Coronavirus Lombardia, Giulio Gallera: “Calo a Bergamo e Milano”

CORONAVIRUS LOMBARDIA – Nel consueto intervento trasmesso da Sky Tg 24, l’Assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha fatto il punto sulla situazione vissuta nelle ultime 24 ore dalle province più colpite dal Covid-19.

“In Lombardia, – riferisce Gallera – oggi registriamo soltanto, per così dire, 137 casi positivi a Milano. 1.555 positivi nelle ultime 24 ore in Lombardia, domenica erano 9.439. Un dato in diminuzione, a testimonianza di come i nostri sacrifici stiano dando i primi frutti. Bergamo in calo, leggermente maggiore il dato nella provincia di Brescia. Iniziamo a vedere una piccola luce in fondo al tunnel, ma non dobbiamo abbassare la guardia. Confermo il trend in calo registrato anche ieri dalla Protezione Civile a livello nazionale. Abbiamo anche aumentato di 1.350 unità la terapia intensiva. Abbiamo 9.266 pazienti ricoverati.

Il criterio sui tamponi? Lo facciamo a quelle persone che fanno parte del sistema sanitario, che devono continuare a lavorare per noi. Se un medico non è positivo, deve continuare a lavorare. Nel settore di pubblica utilità, facciamo i tamponi per essere sicuri che stiano bene coloro che devono darci una mano in questo momento.

Per quanto riguarda gli altri cittadini, diciamo di stare a casa proprio per non favorire il contagio e non rischiare di effettuare tamponi in più. In questo momento, anche se abbiamo chiuso gran parte delle attività, è necessario farsi fare il certificato medico anche per un semplice raffreddore o per un’influenza, per non andare a lavoro e preservare la propria salute. Siete legittimati a stare a casa in malattia, perché vogliamo preservarlo e monitorarlo.

Voglio dire un’altra cosa: a chi giudica o critica da lontano l’operato della Regione Lombardia, dico che dovrebbe trovarsi in prima linea in questa battaglia, per poter giudicare il nostro lavoro. Dovrebbe trovarsi in trincea, dove ci sono uomini e donne che lavorano senza sosta per il bene di tutti. Io sono molto orgoglioso del lavoro che stanno facendo i medici, gli infermieri, fino ad arrivare agli uomini che portano le barelle all’interno degli ospedali o si occupano delle sanificazioni.”

Leggi anche:

Coronavirus, il Bollettino di oggi della Protezione Civile (23 marzo 2020)

Coronavirus Bergamo, le parole del Sindaco Gori a Che Tempo Che Fa (Video)

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.

BENVENUTO NEL MONDO  

 

Iscriviti al nostro canale YouTube

 ISCRIVITI

 

📲Per ricevere tutti gli aggiornamenti in tempo reale invia un messaggio su WhatsApp al numero +39 0461 163 6020

🔵 PROPONI LA TUA PARTNERSHIP A Y MEDIA ANALYTICA 🔵 

SCARICA LA BROCHURE

per richieste di informazioni:

direttore@ypeople.it