Loading...

Parla Piano di Vinicio Capossela: Significato e Testo della Canzone

Parla Piano di Vinicio Capossela Significato e Testo della Canzone

Parla piano” è la terza traccia dell’album “Da solo” dell’artista Vinicio Capossela, uscito nel 2008 sotto la Warner music.

Settimo album dell’artista, “Da Solo”, è una raccolta di ballate lente e di inni accompagnate da linee melodiche scandite dal suono di un pianoforte. Sin dalla cover si nota l’animo turbato dell’artista, motivo principale del progetto presente in tutte le tracce.

L’album è composto da 12 tracce:

  1. Il gigante e il mago
  2. In clandestinità
  3. Parla piano
  4. Una giornata perfetta
  5. Il paradiso dei calzini
  6. Orfani ora
  7. Sante Nicola
  8. Vetri appannati d’America
  9. Dall’altra parte della sera
  10. La faccia della terra
  11. Lettere di soldati
  12. Non c’è disaccordo nel cielo + Da solo tutt’quant (ghost track)

Parla Piano di Vinicio Capossela: Significato e Testo della Canzone

Tra le 12 tracce spicca in particolar modo “Parla piano” terza traccia dell’album. L’artista nel testo parla della paura dell’amore e del timore che si prova donandoci ad un’altre persona.  Della paura di affrontare un nuovo amore, di aprirsi e farsi conoscere.

Nel momento in con cui vorremmo iniziare una nuova relazione, iniziamo ad indossare delle maschere che camuffano il nostro essere, per cercare di essere interessanti a tutti i costi o per nascondere le nostre cicatrici e non mostrare le nostre debolezze.Per questo anche quando si superano le prime diffidenze, siamo consapevoli che l’amare completamente ci spoglierebbe di noi per rivestirci dell’altro e questo ci incute un senso di timore che ci attanaglia, e si decide cosi di restare nelle proprie sicurezze con le conseguenze che questo comporta:

“Pago il pegno di
rinunciare a me
non sapendo dividere
dividermi con te
Che ti da’ che mi da’
affidarsi a te non fidandomi di me..
Sopra il volto tuo
pago il pegno di
rinunciare a noi
dividerti soltanto
nel volto del ricordo!”

Marco Zollo (studente YLab Unisa 2018/2019)

Leggi anche:

Quale musica ascoltare per dormire e rilassarsi o per studiare meglio

Passione e vivere per la musica: Fabio Giobbe si racconta a YPeople

No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...