Notice: WP_Scripts::localize è stato richiamato in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/admin/web/ypeople.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5777
Poliziotto Americano uccide afroamericano con il ginocchio sul collo: Video virale | YPeople.it

Poliziotto Americano uccide afroamericano con il ginocchio sul collo: Video virale

Un video raccapricciante, una scena non adatta a persone facilmente impressionabili. Immagini che non rendono merito a tutte le Forze dell’Ordine che svolgono onestamente e seriamente il loro importante lavoro: in America, un poliziotto ha ucciso un uomo afroamericano, spingendo con forza il suo ginocchio sul collo della povera vittima, soffocandolo.

Oltre che un chiaro abuso di potere, un omicidio in piena regola, tutto documentato dalle immagini girate da alcuni passanti increduli. “Non riesco a respirare, per favore non uccidermi”, ha chiaramente urlato la vittima prima di esalare l’ultimo respiro. Una scena agghiacciante, assolutamente non giustificabile, che ha fatto immediatamente il giro del web.

Il nome della vittima è George Floyd, ucciso da un uomo della polizia di Minneapolis, che ha tenuto il suo ginocchio sul collo della vittima anche dopo il decesso del 46enne. “F**k the police”, ha scritto Madonna sui social, dopo aver visto il terribile video. Un episodio che ha scosso il mondo intero e, in particolare, gli ambienti della NBA, dove cestisti di qualunque etnia condividono quotidianamente lo spogliatoio.

View this post on Instagram

The Minneapolis Police murdered this brother. ⁣ ⁣ This man, who, like Eric Garner, yelled out over and over and over again that HE COULD NOT BREATHE, was CLEARLY in distress. ⁣ ⁣ He is in handcuffs. ⁣ On his belly. ⁣ ⁣ That already makes it hard for people to breathe. ⁣ ⁣ Then, for minutes and minutes on end, the officer keeps his KNEE on this man's neck – literally choking the life out of him. ⁣ ⁣ The people BEGGED for them to let up. BEGGED. ⁣ ⁣ Not that it would matter, but this man wasn't wanted for a violent crime.⁣ ⁣ A grocery store thought he was signing a bad check. ⁣ ⁣ Yeah, really. A bad fucking check. ⁣ ⁣ Show me the white man that has ever been confronted and killed over this. ⁣ ⁣ People are hurting. People are out of work. ⁣ ⁣ I am so utterly disgusted and heartbroken that we live in a nation, in a time, where this keeps happening over and over again. ⁣ ⁣ Our team @GrassrootsLaw is going to fight for justice here and we won't let up until we get it. ⁣ ⁣ But here's the truth – JUSTICE would be this man this being alive right now. We are tired. We are angry. They are already LYING and saying they noticed he "went into distress." No, YOU PUT HIM IN DISTRESS and KEPT HIM IN DISTRESS. ⁣ ⁣ And this shit has to end. Call the Mayor, Jacob Frey @ (612) 673-2100 and let him know he needs to speedily fire these officers and call the DA @ 612-348-5550. That's Mike Freeman. Let him know he needs to file charges immediately. Follow @GrassrootsLaw.

A post shared by Shaun King (@shaunking) on

Questo il video diventato virale sui social network, non adatto a persone facilmente impressionabili. È sconsigliata la visione ai minori.

Leggi anche:

È morto Ezio Bosso: il Maestro aveva 48 anni

Castellammare di Stabia, ucciso a coltellate un ragazzo di 17 anni

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.

BENVENUTO NEL MONDO  

 

Iscriviti al nostro canale YouTube

 ISCRIVITI

 

📲Per ricevere tutti gli aggiornamenti in tempo reale invia un messaggio su WhatsApp al numero +39 0461 163 6020

🔵 PROPONI LA TUA PARTNERSHIP A Y MEDIA ANALYTICA 🔵 

SCARICA LA BROCHURE

per richieste di informazioni:

direttore@ypeople.it