Notice: WP_Scripts::localize è stato richiamato in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/admin/web/ypeople.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5777
Smart Working: Cos'è, Regole, Come Funziona e Come Attivarlo | YPeople.it

Smart Working: Cos’è, Regole, Come Funziona e Come Attivarlo

SMART WORKING – In tempi di coronavirus lo smart working diventa una necessità. Centinaia le aziende che hanno già provveduto ad attivarlo con i propri dipendenti su tutto il territorio nazionale. E in tanti si stanno chiedendo cosa sia.

Cos’è lo Smart Working

Si tratta di un approccio organizzativo nuovo che ha l’obiettivo di combinare flessibilità, autonomia e collaborazione nell’ambito di un rapporto di lavoro subordinato, attraverso l’impiego di nuove tecnologie e di strumenti utili a creare ambienti lavorativi fluidi e diffusi.

Lo smart working o lavoro agile è una modalità di lavoro flessibile, in cui il concetto di luogo di lavoro perde il ruolo di centralità, applicabile sia ad un contratto a tempo indeterminato che a termine, attraverso un accordo volontario tra le parti stipulato in forma scritta, dal quale si può recedere nei termini fissati dalla legge e dalla contrattazione collettiva.

Lo smart working si caratterizza dunque per la spiccata flessibilità che lo caratterizza, declinata in due aspetti:

– spaziale, in quanto la prestazione viene eseguita, in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, senza postazione fissa;

– orario, in quanto la prestazione deve essere svolta entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva.

Come funziona lo smart working

Lo smart working è caratterizzato dalla combinazione di tre componenti, ovvero dalla formula BBB:

– Bricks (spazio di lavoro fisico): ovvero la rideterminazione degli spazi di lavoro, che non coincidono più con l’ufficio o lo stabilimento produttivo del datore di lavoro, né necessariamente con la propria abitazione. Sede di lavoro può essere qualunque luogo o contesto che consenta il materiale svolgimento dell’attività lavorativa, attraverso l’impiego di strumenti tecnologici e connessioni anche di proprietà degli stessi lavoratori (in questo caso si parla di BYOD, Bring Your Own Device)

– Bits (spazio di lavoro virtuale): ossia la capacità di sfruttare le tecnologie digitali (telefonia IP, videocomunicazione, instant messaging, chat, piattaforme di file sharing ) per comunicare in uno spazio virtuale di lavoro

– Behaviours (modelli di lavoro): ovvero la determinazione di nuove modalità organizzative e gestionali.

Smart Working: come attivarlo e regole

Le parti devono stipulare l’accordo di lavoro agile per iscritto e disciplinare:

– l’esecuzione della prestazione;

– le modalità di esercizio del potere di controllo e disciplinare del datore di lavoro;

– i tempi di riposo e la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro.

Il lavoratore agile ha diritto ad un trattamento economico e normativo non inferiore a quello applicato ai lavoratori che svolgono l’attività in azienda, ha diritto alla formazione e alla tutela contro gli infortuni.

Leggi anche:

Denunciati due giovani di Parma che volevano partire per Madrid

Coronavirus in Veneto, due morti nella provincia di Verona

BENVENUTO NEL MONDO  

 

Iscriviti al nostro canale YouTube

 ISCRIVITI

 

📲Per ricevere tutti gli aggiornamenti in tempo reale invia un messaggio su WhatsApp al numero +39 0461 163 6020

🔵 PROPONI LA TUA PARTNERSHIP A Y MEDIA ANALYTICA 🔵 

SCARICA LA BROCHURE

per richieste di informazioni:

direttore@ypeople.it